Canti dal margine[Preghiere di frontiera]/15

Canti dal margine[preghiere di frontiera]/15

1.
Nudi di cose, in un carisma eterno
e senza tempo. Ridere, da vivi
dentro, sfidando a viso aperto il vento.
2.
Spogli di orpelli, di vanagloria, soli
ed ostesi, senza ostentare i frutti
acerbi di prepotenza e boria.
3.
Stare seduti a contemplare il sasso
della storia dagli innocenti eroso.
Dall’erba verde e sconosciuta
4.
che cresce lenta ai margini e copre
la dura, l’insensata gloria. Giunger
le mani. Sentir sul passo la carezza
rude del domani.

Canti dal margine [Preghiere di frontiera]/14

Canti dal margine[preghiere di frontiera]/14

 

1.
Al colmo della neve, le stelle fredde

del nostro inverno senza tempo, mordono
il silenzio dell’infanzia, intatto, dentro.
2.
Tu, murmure incanto reciso in sogno,
lambisci l’onda storta, contro la pietra
calda di lamento. L’ira del Cielo
3.
stende la sua coltre azzurra e stringe
al collo e al cuore la vita ferma
di un giorno senza scampo. Stilla
4.
nel rivo acceso di Speranza la Luce
incantatrice. Prende la mano, riversa
fra le note. Il rigo asciutto della storia
5.
intona proprio ora il suo solenne
osanna. La gloria più feriale si stringe
nel ricordo. Il fiore spande un pianto assurdo.

Canti dal margine [Preghiere di frontiera]/13

Canti dal margine [preghiere di frontiera]/13

1.

L’ira nolente della fede arresa

ha preso la sua preda. Il canto

giace e il tempo di chi crede spende

2.

l’obolo silente nella sua croda

estrema. La vita vera chiede un’ora

e una preghiera. Il secolo s’inarca

3.

e verso Itaca sventola garrulo

un aquilone. Il tuo sogno bambino

e innocente è una prece di vento.

4.

Stringilo al petto ancora, sentilo

vibrare contro. L’albatro s’alza

dalla tolda in volo. Oh, come infinito

5.

ed eterno stanno per sempre insieme

nel tuo sublime, nel tuo inutile

accento! Tu, poeta solitario e solo,

6.

vibratile scintilla d’un ardente

fuoco acceso in un futuro Cielo.

Presso la terra della più vieta

7.

prosa, dove si spegne l’alta speranza

offesa.

 

 

Canti dal margine [Preghiere di frontiera]/12

 Canti dal margine [preghiere di frontiera]/12

1.

Stai, composto nel nome, nell’ora

e nel Silenzio. Lascia che salga

l’urlo dentro. Chiedine il senso ed il volto.

2.

L’evo non avrà pietà e solo il canto

ti sarà per sempre grembo e la parola

la madre via in Eterno. La terra, un lieve

3.

mormorar di stelle. La sua carezza,

l’estrema voce sul tuo cuore, ribelle.

Stendi le braccia amanti all’orizzonte.

4.

Sentine al ritmo della vita il suono,

l’intatta gioia e tutte e le tue rese.

Danza e non fermare il passo, nemmeno

5.

nella forma accesa dell’eccesso.

Ama, con tutta la tua fede. L’aria

del sogno scosso, lo sai, è solo adesso.