Démos [sine cràtos].

démos [sine cràtos]

Si recita a soggetto. Ognuno/
ha il suo spezzone di diritto./
Un ego compulsivo segna tratti,/
segmenti d’esistenze parallele/
non tese all’infinito, ma all’ombelico/
arrese. Prigione d’impazienze/
è la tua vita, o uomo senza ascolto./
 
Sei solo, in grembo ad una folla solitaria./
Invochi nudo il ruolo in voce senza/
senso. Sei morto dentro, vanesio/
abbarbicato all’edera dei media,/
che narra e insieme vela il mondo,/
nascosto all’imo del tuo volto vero./
Una tragedia. Nella parola muta,/
a specchio del tuo nulla prendi il volo.

Comments are closed.