Estasi.


Estasi.

Vennero avanti armati fino ai denti

di menzogna,di sorrisi suadenti.

L’innocente lentamente moriva

in silenzio nell’estasi del compimento.


La vita correva dentro e, fuori,

i tempi, storditi d’assenza, bevevano

della muta violenza l’assenzio.

L’armonia del Cosmo, trepida ed ignota,

tremava nel grembo della parola

amante. Nella verità risorta.

Comments are closed.