Immagina. [Il sogno del poeta].

Immagina. [Il sogno del poeta].

Allora, tese l’orecchio verso la terra

del Tempo, per ascoltare la ormai muta

memoria del Senso ignoto. Dalla

divina fessura del Silenzio, giunse

l’eco dei sogni smarriti. I passi

perduti, gli istanti corrotti dai compromessi

infiniti. Sedette all’ombra di se stesso

e pianse le giovinezze inutilmente

frante. Le immagini del Cielo andate

via nella consumazione degli orpelli vani.

Immagina, disse nel soliloquio estremo,

l’altra vita di te, la via che hai solo

concepita e lascia che il suo calco

divenga stampo di un futuro alato.

Da consegnare intatto al grembo di altre

Vite, per generare insieme, o inutile poeta

a tutto dal Secolo vinto, la gestazione

eterna della concordia umana.

 

Il 18 Aprile del 2022, alle ore 13.57.

 

Comments are closed.